Lettera aperta ad ITALIA VIVA – 22 dicembre 2020

Ai Gruppi Italia Viva e Italia Viva-P.S.I.

AllaC.A. Sen. Matteo Renzi

m[email protected]

[email protected] 

                                                  22 dicembre 2020
Lettera aperta – “Italia Viva”, non provocare una crisi di questo Governo!
Italia Viva non dovrebbe ripercorrere una contrapposizione simile all’appuntamento elettorale in Puglia, in cui prevalse un’opposizione al Presidente uscente (oggi riconfermato) Michele Emiliano piuttosto che agli altri avversari politici regionali: ne è un segnale emblematico il fatto che anche il passaggio di un discorso di Barack Obama fu sottotitolato in Italiano e commentato dall’On. Ivan Scalfarotto con riferimento ad errori del Presidente Emiliano, mentre Obama si riferiva alla realtà “sovranista” del proprio Paese.
Scopo di questa premessa non è quello di deridere Italia Viva o suoi esponenti, ma quello di rimarcare un possibile “difetto ricorrente” nel negare il pericolo rappresentato dal cosiddetto “sovranismo“.
Con quel termine possiamo oramai designare conflittualità dirette contro un patrimonio culturale e legislativo condiviso nel nostro periodo storico: realtà che possiamo ritrovare nella Premessa allo Statuto delle Nazioni Unite del 1945 – diritti fondamentali dell’uomo, dignità umana,.. -.
Ma la Puglia ha saputo distinguere tra quelli che Italia Viva rischiava di indicare come una realtà “populista” quasi indistinguibile; le forze politiche che sostengono il Governo Conte sanno oggi prendere distanze da quell’incubo – che in certe parti del mondo occidentale è parso e può apparire simile agli eccidi nazisti avvenuti verso la fine della Seconda guerra mondiale in Italia ! -.
Se Italia Viva non accetterà nettamente di fare certe distinzioni, resterà una realtà irrimediabilmente miope! Non solo ci riavvicinerà a certi tipi di cultura – che insistentemente e con spregiudicatezza vorrebbero invertire la rotta attuale, conforme ad una vitale lezione dataci dalla storia ! – ; ma ne potrebbe diventare satellite, anche condannando “sussidi” tour court (ben diverso da un sano pensiero comune secondo cui uno Stato assistenzialista non faccia il bene della popolazione).
Di redditi minimi, ad esempio, si parla da ben oltre vent’anni in Italia, e si ricordano sperimentazioni sicuramente verso la fine degli anni ’90 con la Ministro On. Livia Turco.
Di sussidi alle famiglie parla Joe Biden.
I Comuni hanno avuto e potranno riavere bisogno di redditi d’emergenza, anche senza produrre progetti!
Si deve capire che mentre Italia Viva si pone in comunicazione con il Presidente del Consiglio esistono ad es. realtà che si chiedono se valga di più la vita di un cittadino lombardo o di un cittadino laziale!
Sarebbe positivo sentir parlare una volta in meno del “populismo” in modo aspecifico e magari una volta in più di “ambiente ostile” per chiunque possa trovarsi vessato e fuori da un circuito produttivo; così come sarebbe stato meglio aver letto (il 28 marzo u.s.) chi avesse parlato di dignità umana e non delle “riaperture”, precedendo il Sen. Matteo Salvini di circa mezzo mese.
Italia Viva dovrebbe fermarsi e riflettere su certe realtà!

Cordialmente e rimanendo a disposizione per qualsiasi gradita comunicazione!
Mirko Salotti
Ex candidato ex legem come difensore civico per l’Amministrazione provinciale di Lucca
Amministratore spazi di iniziativa popolare Conte day e Co-fondatore “Coordinamento 10 dicembre”

P.S. Quanto scritto è il seguito di occasioni di approfondimento avute nel corso del tempo, e simile a quanto già pubblicato nella petizione avviata il 20 dicembre u.s.: http://chng.it/cCPcQVC8 ; aggiornamento video https://youtu.be/3OlvvpFwEnU.
Sono informato di petizione avviata praticamente nello stesso 20 u.s., che ha superato le 2.700 firme: “l’Italia onesta che sostiene il Presidente Giuseppe Conte”, http://chng.it/LGtf5GH6Fs .

Senza categoria

Informazioni su traccedipolitica

Diplomato come assistente di comunità infantili (1995), sono stato candidato formalmente come difensore civico provinciale per Lucca (1996). Sono stato iscritto alla Facoltà di Lettere e Filosofia ed a quella di Giurisprudenza dell'Università "La Sapienza" di Pisa senza raggiungere titoli accademici. Ho frequentato ISSR "Beato Niccolo Stenone" a Pisa (2003-2006) raggiungendo i requisiti culturali per insegnamento di Religione come supplente. Ho co-fondato l'associazionismo informale per diritti del fanciullo del Coordinamento nazionale Child Audition (2015). E-mail personale: [email protected]

Precedente Lettera aperta al Partito Democratico Successivo APPELLO A REALTÀ DI CULTURA CRISTIANA E DI AREA POPOLARE